Innovazione

Smart Contract

    1

  • Gli smart contract sono la trasformazione nel mondo digitale del contratto tradizionale. Più precisamente, gli smart contract sono contratti programmati tramite codice applicativo (ad esempio Solidity su Ethereum) che permettono di eseguire in modo automatico i termini contrattuali senza intervento umano

  • 2

  • Vi sono molti casi d’uso per l’adozione degli smart contract, tra cui i più significativi sono: assicurazioni, supply chain, risorse umane, gestione proprietà intellettuale (marchi, musica, ecc.). Sinergie importanti sono realizzabili con soluzioni di IoT, Big Data ed Intelligenza Artificiale

  • 3

  • Gli smart contract generano importanti benefici di business, ottimizzando i processi, riducendo gli errori e, potenzialmente, azzerando le controversie tra le parti. Allo stesso tempo gli smart contract presentano dei rischi, relativi alla possibilità di errori nel codice applicativo ed alla presenza di falle di sicurezza

  • 4

  • La regolamentazione degli smart contract da parte della giustizia tradizionale è solo agli albori. Affinché gli smart contract possano ottenere una diffusa adozione, è necessario avere una regolamentazione e delle modalità definite di certificazione dello smart contract stesso, ovvero che il codice applicativo scritto sia effettivamente coerente con l’accordo raggiunto tra le parti in causa

  • 5

  • Business Changers è a disposizione dei propri clienti per la mitigazione dei rischi di adozione degli smart contract, per la scrittura del codice applicativo e per la verifica/certificazione che la versione digitale del contratto sia effettivamente coerente con gli accordi raggiunti tra le parti

In un mondo sempre più digitale, qualunque relazione contrattuale tra parti potrà essere automatizzata grazie all’impiego di contratti intelligenti. La regolamentazione è solo agli albori, ma gli Smart Contracts sono destinati a diffondersi in modo pervasivo nel mondo economico


Ogni tipo di relazione tra parti nel mondo economico è regolata da contratti. Il contratto, come da sua etimologia latina (viene dal verbo “contrahere”, che significa mettere insieme, riunire), rappresenta l’accordo tra una o più parti per regolare un vincolo giuridico. I contratti non solo devono essere redatti, ma anche eseguiti, ovvero le parti devono effettuare delle azioni in base al contenuto del contratto (ad esempio fatturazione e pagamento a seguito della fornitura di determinati beni o servizi).

Gli smart contract sono la trasformazione nel mondo digitale del concetto classico di contratto. Più precisamente, gli smart contract sono contratti programmati tramite codice applicativo che permettono di eseguire in modo automatico i termini contrattuali senza intervento umano, utilizzando le funzionalità messe a disposizione dalla blockchain.

Gli smart contract permettono di memorizzare la logica di business relativa alla gestione di un asset sulla Blockchain, divenendo custodi dell’asset ed eliminando la necessità di ogni intermediazione da parte di terze parti. Gli asset vengono rappresentati sulla Blockchain tramite un token.

Vi sono molti casi d’uso per l’adozione degli smart contract, nel seguito vengono analizzati solo alcuni tra i più significativi:

  • Assicurazioni: spesso può accadere che siano necessari mesi per portare a compimento una richiesta di pagamento a seguito di uno specifico evento coperto da polizza assicurativa, generando inefficienze per i clienti ed impatti reputazionali per le assicurazioni. Gli smart contract potrebbero semplificare notevolmente il processo, avviando in modo automatico il pagamento in seguito ad uno specifico accadimento
  • Supply chain: gli smart contracts possono registrare la storia dei beni attraverso i diversi passaggi della catena del valore (posizione geografica, persona responsabile, stato della merce, ecc.). Un ulteriore effetto sinergico viene realizzato grazie all’IoT (Internet of Things), che, grazie a specifici sensori, riesce a verificare lo stato dei beni in modo automatico e digitale
  • Rapporto di lavoro: le condizioni economiche di un impiegato potrebbero essere codificate al momento dell’assunzione, consentendo di minimizzare i tempi e le inefficienze relative al pagamento dei contribuiti, di eventuali bonus dovuti per il raggiungimento di obiettivi prestabiliti, del rimborso delle spese sostenute e così via
  • Proprietà intellettuale: ogni oggetto prodotto dalla creatività umana potrebbe essere salvaguardato e protetto con gli smart contract e la blockchain, assicurando che i diritti d’autore vengano pagati in modo automatico agli effettivi autori del prodotto senza richiedere l’ausilio di eventuali intermediari

Il potenziale degli smart contract risiede nel fatto che potrebbero automatizzare un numero molto elevato di processi di business senza alcun intervento umano, minimizzando in tal modo i costi di gestione. I vantaggi in termini di efficienza commerciale, legale ed operativa sono evidenti; allo stesso tempo gli smart contract nascondo anche dei rischi.

Se da una parte, grazie all’automazione, si evitano possibili errori umani nell’esecuzione del contratto, dall’altra possono generarsi degli effetti collaterali significativi in quanto vi possono essere dei bug nello sviluppo del codice se non, ancora peggio, vulnerabilità di sicurezza che potrebbero essere utilizzate in modo malevolo. Queste potenziali debolezze sono già emerse evidenti nel 2016 quando furono rubati Ehter (la cryptocurrency di Ethereum, una delle piattaforme più diffuse per l’implementazione di smart contract) per un valore di circa 60 milioni di dollari.

Inoltre, devono poter essere gestite delle eccezioni, nel caso in cui una qualsiasi delle operazioni automatizzate, per qualsiasi motivo, non vada a termine con successo (ad esempio il mancato pagamento da parte di una delle controparti per mancanza di fondi). In tal caso chi sarebbe chiamato a dirimere la conseguente controversia tra le parti? La regolamentazione degli smart contract da parte della giustizia tradizionale è solo agli albori. Affinché gli smart contract possano ottenere una diffusa adozione, è necessario avere una regolamentazione e delle modalità definite di certificazione dello smart contract stesso, ovvero che il codice applicativo scritto sia effettivamente coerente con l’accordo raggiunto tra le parti in causa.

Sebbene indubbiamente vi siano delle criticità da indirizzare, gli smart contract sono destinati a diffondersi in modo pervasivo. Business Changers mette a disposizione dei propri clienti servizi sia di scrittura di smart contract sia di verifica che il codice applicativo scritto da altri sia coerente con i contenuti relativi all’accordo tra le parti.

In un mondo sempre più digitale, qualunque relazione contrattuale tra parti potrà essere automatizzata grazie all’impiego di contratti intelligenti. La regolamentazione è solo agli albori, ma gli Smart Contracts sono destinati a diffondersi in modo pervasivo nel mondo economico


Ogni tipo di relazione tra parti nel mondo economico è regolata da contratti. Il contratto, come da sua etimologia latina (viene dal verbo “contrahere”, che significa mettere insieme, riunire), rappresenta l’accordo tra una o più parti per regolare un vincolo giuridico. I contratti non solo devono essere redatti, ma anche eseguiti, ovvero le parti devono effettuare delle azioni in base al contenuto del contratto (ad esempio fatturazione e pagamento a seguito della fornitura di determinati beni o servizi).

Gli smart contract sono la trasformazione nel mondo digitale del concetto classico di contratto. Più precisamente, gli smart contract sono contratti programmati tramite codice applicativo che permettono di eseguire in modo automatico i termini contrattuali senza intervento umano, utilizzando le funzionalità messe a disposizione dalla blockchain.

Gli smart contract permettono di memorizzare la logica di business relativa alla gestione di un asset sulla Blockchain, divenendo custodi dell’asset ed eliminando la necessità di ogni intermediazione da parte di terze parti. Gli asset vengono rappresentati sulla Blockchain tramite un token.

Vi sono molti casi d’uso per l’adozione degli smart contract, nel seguito vengono analizzati solo alcuni tra i più significativi:

  • Assicurazioni: spesso può accadere che siano necessari mesi per portare a compimento una richiesta di pagamento a seguito di uno specifico evento coperto da polizza assicurativa, generando inefficienze per i clienti ed impatti reputazionali per le assicurazioni. Gli smart contract potrebbero semplificare notevolmente il processo, avviando in modo automatico il pagamento in seguito ad uno specifico accadimento
  • Supply chain: gli smart contracts possono registrare la storia dei beni attraverso i diversi passaggi della catena del valore (posizione geografica, persona responsabile, stato della merce, ecc.). Un ulteriore effetto sinergico viene realizzato grazie all’IoT (Internet of Things), che, grazie a specifici sensori, riesce a verificare lo stato dei beni in modo automatico e digitale
  • Rapporto di lavoro: le condizioni economiche di un impiegato potrebbero essere codificate al momento dell’assunzione, consentendo di minimizzare i tempi e le inefficienze relative al pagamento dei contribuiti, di eventuali bonus dovuti per il raggiungimento di obiettivi prestabiliti, del rimborso delle spese sostenute e così via
  • Proprietà intellettuale: ogni oggetto prodotto dalla creatività umana potrebbe essere salvaguardato e protetto con gli smart contract e la blockchain, assicurando che i diritti d’autore vengano pagati in modo automatico agli effettivi autori del prodotto senza richiedere l’ausilio di eventuali intermediari

Il potenziale degli smart contract risiede nel fatto che potrebbero automatizzare un numero molto elevato di processi di business senza alcun intervento umano, minimizzando in tal modo i costi di gestione. I vantaggi in termini di efficienza commerciale, legale ed operativa sono evidenti; allo stesso tempo gli smart contract nascondo anche dei rischi.

Se da una parte, grazie all’automazione, si evitano possibili errori umani nell’esecuzione del contratto, dall’altra possono generarsi degli effetti collaterali significativi in quanto vi possono essere dei bug nello sviluppo del codice se non, ancora peggio, vulnerabilità di sicurezza che potrebbero essere utilizzate in modo malevolo. Queste potenziali debolezze sono già emerse evidenti nel 2016 quando furono rubati Ehter (la cryptocurrency di Ethereum, una delle piattaforme più diffuse per l’implementazione di smart contract) per un valore di circa 60 milioni di dollari.

Inoltre, devono poter essere gestite delle eccezioni, nel caso in cui una qualsiasi delle operazioni automatizzate, per qualsiasi motivo, non vada a termine con successo (ad esempio il mancato pagamento da parte di una delle controparti per mancanza di fondi). In tal caso chi sarebbe chiamato a dirimere la conseguente controversia tra le parti? La regolamentazione degli smart contract da parte della giustizia tradizionale è solo agli albori. Affinché gli smart contract possano ottenere una diffusa adozione, è necessario avere una regolamentazione e delle modalità definite di certificazione dello smart contract stesso, ovvero che il codice applicativo scritto sia effettivamente coerente con l’accordo raggiunto tra le parti in causa.

Sebbene indubbiamente vi siano delle criticità da indirizzare, gli smart contract sono destinati a diffondersi in modo pervasivo. Business Changers mette a disposizione dei propri clienti servizi sia di scrittura di smart contract sia di verifica che il codice applicativo scritto da altri sia coerente con i contenuti relativi all’accordo tra le parti.

    1

  • Gli smart contract sono la trasformazione nel mondo digitale del contratto tradizionale. Più precisamente, gli smart contract sono contratti programmati tramite codice applicativo (ad esempio Solidity su Ethereum) che permettono di eseguire in modo automatico i termini contrattuali senza intervento umano

  • 2

  • Vi sono molti casi d’uso per l’adozione degli smart contract, tra cui i più significativi sono: assicurazioni, supply chain, risorse umane, gestione proprietà intellettuale (marchi, musica, ecc.). Sinergie importanti sono realizzabili con soluzioni di IoT, Big Data ed Intelligenza Artificiale

  • 3

  • Gli smart contract generano importanti benefici di business, ottimizzando i processi, riducendo gli errori e, potenzialmente, azzerando le controversie tra le parti. Allo stesso tempo gli smart contract presentano dei rischi, relativi alla possibilità di errori nel codice applicativo ed alla presenza di falle di sicurezza

  • 4

  • La regolamentazione degli smart contract da parte della giustizia tradizionale è solo agli albori. Affinché gli smart contract possano ottenere una diffusa adozione, è necessario avere una regolamentazione e delle modalità definite di certificazione dello smart contract stesso, ovvero che il codice applicativo scritto sia effettivamente coerente con l’accordo raggiunto tra le parti in causa

  • 5

  • Business Changers è a disposizione dei propri clienti per la mitigazione dei rischi di adozione degli smart contract, per la scrittura del codice applicativo e per la verifica/certificazione che la versione digitale del contratto sia effettivamente coerente con gli accordi raggiunti tra le parti