Blockchain

Blockchain con Borsa Italiana per digitalizzare l’emissione Titoli per PMI

11 Settembre 2017

In un comunicato stampa del 20 luglio 2017, la Borsa Italiana ha annunciato un accordo con IBM e London Stock Exchange Group (LSEG), holding nata nel 2007 dall’aggregazione di Borsa Italiana e Borsa di Londra, per la realizzazione di un sistema che permetta la digitalizzazione dell’emissione dei titoli di piccole e medie imprese (PMI) private in Europa, titoli ad oggi emessi in forma cartacea, utilizzando la piattaforma Blockchain Hyperledger Fabric versione 1.0.

Secondo la Banca Mondiale, il 50% delle PMI oggi non ha accesso al credito.

Con questa soluzione, le PMI europee non quotate in borsa, potranno accedere a maggiori informazioni, oggi non hanno accesso alle reti delle borse valori pubbliche né alle strutture di credito istituzionali, e di conseguenza ottenere maggiori finanziamenti, condividendo i propri dati finanziari in un sistema aperto, trasparente e condiviso come quello garantito dalla tecnologia scelta.

Questa soluzione si colloca all’interno del più ampio progetto denominato Digital Trade Chain, progetto in ambito finance avviato a inizio anno, firmato a Bruxelles, che vede coinvolti sette Istituti Finanziari, Unicredit, Deutsche Bank, Hsbc, Natixis, Kbc, Rabobank e Société Générale e che ha l’obiettivo di sviluppare servizi di pagamento e semplificare le transazioni nazionali e internazionali delle piccole e medie imprese utilizzando la Blockchain.

Inoltre, la Digital Trade Chain ottimizza le mansioni amministrative dei clienti delle PMI digitalizzando l’intero processo del supply chain, dall’ordine alla ricezione, e permette la tracciatura delle transazioni in tempo reale.

Permette l’accesso e la condivisione dei dati sensibili solo tra i partecipanti autorizzati, si tratta quindi di una Blockchain privata.

La Blockchain privata o autorizzativa, prevede un’autorità specifica riconosciuta che ha il compito di autorizzare le transazioni di scrittura, mentre la lettura è pubblica o limitata ai partecipanti.

Al contrario, nella Blockchain pubblica o distribuita, tutti possono accedere alle transazioni messe a disposizione dalla rete. La sicurezza è data dalla crittografia e dal fatto che è l’intera rete che conferma la validità dei blocchi per consentire a questi di far parte della catena.

Marie Wieck, General Manager di IBM Blockchain afferma che “Condividere dati critici in una rete sicura e trasparente accessibile agli azionisti è difficile se si utilizza un sistema tradizionale. La Blockchain contribuirà a eliminare alcune delle barriere tipiche dei metodi tradizionali di trasferimento del valore, proprio come ha fatto Internet con lo scambio di informazioni alla fine degli anni ‘90.”

Blockchain Hyperledger Fabric versione 1.0. è uno dei progetti Hyperledger gestiti da The Linux Foundation, progetti che hanno lo scopo di diffondere la Blockchain open source in tutti i settori.

Articoli Simili

Blockchain

Blockchain: quali impatti dalla GDPR

Da maggio 2018 è applicabile in tutti i paesi dell’Unione Europea il Regolamento UE 2016/679 detto GDPR, acronimo di General Data Protection Regulation.Qual è l’esigenza che ha portato all’appr...
Leggi tutto >
12 Settembre 2019
Blockchain

La guerra per il futuro della moneta digitale: Bitcoin vs Facebook vs Telegram

Nel corso della rivoluzione digitale, vi sono state diverse guerre tecnico/commerciali: per il migliore browser internet, il miglior sistema operativo, il miglior motore di ricerca e così via, con ...
Leggi tutto >
12 Settembre 2019
Blockchain

Agricoltura 4.0: innovazione realizzata con Cloud, Blockchain, e Smart Contract.

Fin dall’inizio dei secoli l’agricoltura accompagna l’uomo nella sua costante evoluzione e da sempre si sono tramandate le tecniche e le tecnologie di coltivazione di padre in figlio. Partendo da u...
Leggi tutto >
28 Febbraio 2019