Blockchain

Agricoltura 4.0: innovazione realizzata con Cloud, Blockchain, e Smart Contract.

28 Febbraio 2019

Fin dall’inizio dei secoli l’agricoltura accompagna l’uomo nella sua costante evoluzione e da sempre si sono tramandate le tecniche e le tecnologie di coltivazione di padre in figlio. Partendo da un’agricoltura basata sulla manualità e la fatica del singolo, si è passati alla lavorazione di molti ettari di terreno grazie all’uso delle macchine agricole, ed ora alla gestione dell’intera azienda agricola tramite il web e le applicazioni in cloud.

È l’era dell’agricoltura SMART, che significa approcciarsi al settore in modo intelligente, sfruttando le tecnologie del web affiancate ai processi consolidati dell’ambito rurale, con il fine di ottenere più informazioni utili all’interno della singola azienda agricola, ma anche degli strumenti di condivisione tra i molteplici operatori della filiera.

Un documento pubblicato da CEMA, l’organizzazione che rappresenta l’industria delle macchine agricole, ha sintetizzato le caratteristiche dell’Agricoltura 4.0:

  • Utilizzo di sensori, microprocessori e strumenti di comunicazione.
  • Accesso rapido alla rete internet e un sempre maggiore utilizzo del cloud come luogo virtuale in cui condividere i dati.
  • Uso di macchinari agricoli dotati di strumenti informatici come computer di bordo, sensori e processori in grado di fare comunicare tra loro le macchine operatrici.
  • Ottimizzazione nell’automatismo delle operazioni dei macchinari.
  • Cooperazione tra diversi attori della filiera alimentare, garantendo così maggiore sicurezza, tracciabilità e ottimizzazione dei costi.

I dati raccolti permettono di tracciare il percorso dei prodotti, seguendoli dal campo fino alla trasformazione finale. Un valore aggiunto per il mercato che si riflette così anche sulla valorizzazione del prodotto. E quale migliore tecnologia di tracciabilità garantita e condivisa, dell’architettura BlockChain?
Il processo di filiera agricola si adatta benissimo al sistema dei blocchi concatenati, il quale proprio per sua natura permette di sigillare le informazioni raccolte durante le fasi della lavorazione delle aziende agricole, e di restituirle in modo chiaro, sicuro e veloce al consumatore finale. Inoltre, grazie all’uso dei sistemi “cloud” è possibile raccogliere dati da qualsiasi fonte nel mondo contemporaneamente ed in tempo reale.
Grazie alla trasparenza ed efficienza della blockchain, l’agricoltura migliora sia sotto un profilo qualitativo che quantitativo. Qualitativamente sarà vincente un prodotto che ha pochi intermediari e di fiducia, e quantitativamente avremo un vantaggio in termini di riduzione dei costi derivato dalla sicurezza alimentare mediante la registrazione di tutti i dettagli sulla catena.

A cura di Antonio Esposito.

Articoli Simili

Blockchain

Blockchain: quali impatti dalla GDPR

Da maggio 2018 è applicabile in tutti i paesi dell’Unione Europea il Regolamento UE 2016/679 detto GDPR, acronimo di General Data Protection Regulation.Qual è l’esigenza che ha portato all’appr...
Leggi tutto >
12 Settembre 2019
Blockchain

La guerra per il futuro della moneta digitale: Bitcoin vs Facebook vs Telegram

Nel corso della rivoluzione digitale, vi sono state diverse guerre tecnico/commerciali: per il migliore browser internet, il miglior sistema operativo, il miglior motore di ricerca e così via, con ...
Leggi tutto >
12 Settembre 2019
Blockchain

Open Innovation: L’innovazione “fatta in casa” non basta più

In Italia è l’ora dell’open innovation, ma cos’è realmente l’innovazione aperta? E come influisce nell’andamento del business delle PMI? La ricerca evidenzia come l’Open Innovation si stia sempre ...
Leggi tutto >
28 Febbraio 2019